A Siviglia a lezione di flamenco

Il flamenco è la vera anima dell’Andalusia e la città di Siviglia può essere compresa a pieno solamente prendendo parte a una lezione di quest’arte magica. Lasciati trasportare dal racconto dell’esperienza.

A Siviglia, perla dell’Andalusia, l’atmosfera è rovente non solo per il clima, ma per la sensualità della danza che esprime a pieno la passione del popolo spagnolo: il flamenco. Forma di espressione delle classi umili, di fronte al più travolgente insieme di musica, canto e ballo è difficile rimanere impassibili.

Chi visita Siviglia lo sa: oltre a Plaza de España, alla Cattedrale di Santa Maria e alla Real Alcázar, la città andalusa si distingue per il suo carattere forte, energico, inconfondibile, frutto della mescolanza tra cultura europea e influsso arabo.

E si può dire di conoscere la vera anima sivigliana solo se ci si abbandona alle sue tradizioni, ci si lascia trasportare dalle note della chitarra e si predispone il cuore ad accogliere l’intensità della musica. Perché il flamenco è un vero e proprio stile di vita.

lezione-flamenco

La prima lezione di flamenco

Esiste una parola che indica il coinvolgimento emotivo provocato da un’esibizione artistica del più celebre ballo spagnolo: “duende” è l’essenza del flamenco, il suo spirito vitale. E l’obiettivo di prendere parte a una lezione di flamenco è proprio percepire attraverso i cinque sensi l’anima della tradizione andalusa.

Ci troviamo nel caratteristico quartiere di Triana, al di là del fiume Guadalquivir. Sono le prime ore del pomeriggio e la città si dedica alla “siesta” per fuggire al caldo torrido estivo. In una via ombreggiata dagli alberi, all’interno del portone di una casa dalla facciata bianca e gialla, ad attenderci è una misteriosa figura vestita di abiti dai colori sgargianti. È l’insegnante che ci guiderà nella prima lezione di flamenco.

Una breve introduzione sull’origine della forma artistica permette di comprendere le sue lontane radici che affondano a metà Settecento quando il flamenco era lo sfogo emozionale della minoranza gitana e della popolazione più umile. Tempo di immedesimarsi nella storia e la richiesta è di indossare gli abiti tradizionali per entrare a pieno nell’atmosfera andalusa.

Ad accompagnare la lezione il suono delle corde di una chitarra pizzicate con dimestichezza che scandiscono i passi. Cinque, sei, sette e otto: la difficoltà maggiore risiede nel muoversi a ritmo. I movimenti della parte inferiore del corpo seguono quelli delle mani, che battono a tempo di musica.

Il flamenco è passione, è sentimento e dopo solo un paio d’ore di lezione l’emozione nell’aria è palpabile. A occhi chiusi le canzoni struggenti sembrano prendere vita e i piedi si spostano lungo la stanza, quasi da soli. È il potere del flamenco, vero motore andaluso.

Un viaggio in Spagna può dirsi completo solo se accompagnato da esperienze vissute in prima persona e una lezione di flamenco renderà la vacanza memorabile. Richiedici un preventivo, costruiremo il tuo viaggio su misura dei tuoi gusti.

triana

Ti interessa un viaggio come questo?
Contattaci!