Viaggio in Alaska, La Grande Avventura

21 giorni in Alaska (e Yukon) “into the wild”

Ventuno giorni in Alaska, una destinazione di grande attualità. Il Nord, in questo caso dell’America, è finalmente una destinazione “TOP” per quanto riguarda le preferenze del pubblico. Chiediamoci perché (noi che lo amiamo tanto forse lo sappiamo) prima di spiegarvi nel dettaglio un itinerario in cui verrete catapultati in un mondo dal sapore antico, dove l’azzurro dei ghiacciai e delle montagne purifica l’anima e dove la natura è gigante buono che accoglie e che stupisce.

Perché sapore antico? Quante volte siamo stati affascinati dalla febbricitante ricerca dell’oro di fine ottocento, raccontata dai fumetti di zio Paperone che fa fortuna in Klondike fino ai capolavori della letteratura intramontabili come “Il richiamo della foresta” e “Zanna bianca”, ambedue dello scrittore Jack London? Quante volte abbiamo sognato con la Golden Rush, simbolo si speranza e di nuove possibilità alla portata di tutti?

Con questo itinerario potremo vivere i luoghi storici che a fine ottocento hanno calamitato attenzione e causato la migrazione di migliaia di persone da tutto il mondo. Non esistono altri posti per raccontare una fetta di storia mondiale così importante.

Natura incontaminata, storia e la frizzante sensazione di un viaggio completamente self-drive vi aspettano. Si tratta di 21 giorni che non dimenticherete, sarete gli artefici di un’esperienza con un timbro nuovo e entusiasmante per noi europei. Stiamo per vivere un’avventura completamente lontana dai nostri canoni, vi aspetta un itinerario che, attraverso cammini, auto, traghetti, navi e  voli vi farà scoprire una realtà parallela magica e indimenticabile.

 

1° GIORNO: ARRIVO IN ALASKA – ANCHORAGE
Arrivo all’aeroporto internazionale di Anchorage, trasferimento in hotel e pernottamento.

2° GIORNO: ANCHORAGE – escursione nel Prince William Sound
Partenza a bordo del treno panoramico Alaska Railroad per Whittier. Imbarco per la crociera panoramica nello spettacolare Prince William Sound. Vi aspettano enormi ghiacciai, fitte foreste di abeti e un’abbondante fauna selvatica da esplorare. Un primo assaggio di Alaska che ben riassume quello che vi aspetta in questo splendido paese. Rientro ad Anchorage in serata.

3° GIORNO: ANCHORAGE – HOMER
Ritiro dell’auto a noleggio e partenza per Homer sulla penisola del Kenai.
Homer è situata al termine della Sterling Highway, sulle rive della baia di Kachemak, rinomata per la sua fauna marina. Famosa è la Homer Spit, lunga striscia di sabbia considerata uno dei luoghi più interessanti dal punto di vista faunistico di tutto l’Alaska, dove le aquile dalla testa bianca sono talmente numerose che è impossibile non avvistarne neanche una.

E’ conosciuta come la capitale dell’halibut (un pesce simile al rombo).

4° GIORNO: HOMER.
Intera giornata a disposizione. Si consiglia di iniziare la visita della cittadina e dintorni dall’Alaska Island & Ocean Visitor Center e proseguire con un’escursione in barca nella baia di Kachemak, oppure una camminata sui sentieri dell’altopiano che domina la cittadina fra foreste di abeti ed incontri ravvicinati con alci e altri animali.

5° GIORNO: HOMER – SEWARD
Intera giornata a disposizione per esplorare la penisola di Kenai lungo la strada per Seward.
Si passerà per Anchor Point, il punto più a ovest in Nord America accessibile da un sistema viario. Proseguendo si incontrerà Ninilchik, un villaggio di pescatori fondato dai Russi più di 100 anni fa. Arrivo a Seward lungo la spettacolare Seward Highway.

6° GIORNO: SEWARD
Intera giornata a disposizione per la visita al magnifico Kenai Fjords National Park. Presso il porticciolo di Seward è situato l’Information Center dove è possibile organizzare l’escursione giornaliera al parco. Si contano ben 38 ghiacciai, e il più grande e affascinante è il ghiacciaio dell’Orso.

7° GIORNO: SEWARD – TALKEETNA
Partenza verso nord e quindi, dopo Anchorage, lungo la valle di Manatuska unica zona agricola dello Stato, si giunge alla storica e graziosa cittadina di Talkeetna, punto di partenza per il Denali National Park.

8° GIORNO: TALKEETNA – DENALI
Partenza per il Denali National Park. All’arrivo tempo a disposizione per una prima visita del parco. Un servizio di navette permette di accedere al parco lungo l’unica strada che conduce al suo interno (Park Road) e di raggiungere i sentieri più esterni. Alcuni sentieri sono raggiungibili direttamente con mezzi propri. Pernottamento in hotel o in cottage.

9° GIORNO: DENALI NATIONAL PARK
Partenza mattutina per l’interno del Denali National Park. L’escursione ha una durata di circa 7 ore lungo la strada di montagna che conduce all’interno del parco – lunga 150km circa; se ne percorreranno circa 80 durante l’escursione. Avvistamento di orsi, alci, lupi, cervi, ecc
Rientro all’hotel/cottage e pernottamento.

10° GIORNO: DENALI – FAIRBANKS
Partenza per Fairbanks, la seconda città dell’Alaska con circa 84.000 abitanti fondata a seguito della scoperta dell’oro nel Tanana River. Dopo il cosiddetto Gold Rush la cittadina divenne il punto più settentrionale dell’Alaska Railroad.

11° GIORNO: FAIRBANKS
Giornata a disposizione a Fairbanks per una delle numerose escursioni naturalistiche lungo le strade che dalla città si dirigono verso nord (Dalton Hway, Steese Hway) fino al fiume Yukon, o alle sorgenti calde al termine della Chena Hot Spring Road. Possibilità di organizzare escursioni guidate fino al circolo artico o alle vecchie miniere d’oro (El Dorado Gold Mine).

12° GIORNO: FAIRBANKS – TOK
Partenza lungo la Richardson Highway e la Alaska Highway per Tok procedendo verso sud-est.
Tok nacque nel 1942 come campo per la costruzione della strada, ed era soprannominato “million dollar camp” per l’ingente somma di denaro spesa per nella costruzione. Oggigiorno è una piccola e tranquilla cittadina ed è l’unica che si attraversa nel collegamento stradale tra Alaska e Canada (Yukon).

13° GIORNO: TOK – DAWSON CITY (Canada)
Oggi si passa il confine con il Canada, e si percorre un tratto della Top of the World Highway.
Dawson City è la città simbolo della grande corsa all’oro che ha avuto luogo nello Yukon e nel vicino Klondike a partire dal 1896 quando fu scoperto dell’oro nei torrenti della zona. In breve si trasformò da un minuscolo borgo che contava un paio di edifici in una turbolenta cittadina di 30.000 abitanti. Oggi mantiene ancora il vecchio fascino della città di frontiera della corsa all’oro.

14° GIORNO: DAWSON CITY (Canada)
Giornata dedicata alla visita della città. Presso il Visitor Center è disponibile la documentazione per un giro completo della Capitale dell’Oro, dal Bonanza Creek dove è nata la corsa all’oro alla Gold Room dove l’oro veniva lavato e pesato. Consigliabile anche la salita al Midnight Dome, la montagna che sovrasta la città da cui si possono vedere le montagne di sabbia e ghiaia lasciate dai cercatori.

15° GIORNO: DAWSON CITY (Canada) – WHITEHORSE (Canada)
Partenza per la capitale dello Yukon percorrendo la Klondike Highway, 536km di strada asfaltata che attraversa una natura meravigliosamente selvaggia. Uno dei percorsi da dare almeno una volta nella vita!

16° GIORNO: WHITEHORSE (Canada) – SKAGWAY
Lungo il White Pass Summit si raggiunge Skagway e si rientra in Alaska. Skagway, sull’oceano, ancora conserva nella sua parte storica edifici originali del 1897. Per assaporare in pieno l’atmosfera dei primi cercatori d’oro si consiglia una camminata lungo la storica Chilkoot Trail. A Skagway rilascio dell’auto a noleggio.

17° GIORNO: SKAGWAY – GUSTAVUS (Glacier Bay National Park) (volo)
Partenza dal piccolo aeroporto di Skagway per Gustavus ed il Glacier Bay National Park, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO dal 1979. Uno spettacolare insieme di montagne e ghiacciai che si gettano nel mare, formando imponenti iceberg. Il parco ospita orsi, cervi, balene e una moltitudine di uccelli marini.
Escursioni nel parco e pernottamento in lodge. Pernottare in lodge, in prossimità del parco, permette di potersi immergere completamente nella dimensione naturale e autentica tipica di questo paese, e  che questo itinerario vuole trasmettere a chi lo sceglierà.

18° GIORNO: GLACIER BAY NATIONAL PARK – JUNEAU (volo)
Giornata dedicata a nuove escursioni in questo meraviglioso parco, Patrimonio dell’Umanità UNESCO. In serata partenza in volo per Juneau, la capitale amministrativa dell’Alaska.

19° GIORNO: JUNEAU – imbarco ferry per PRINCE RUPERT (Canada)
Mattino e primo pomeriggio a disposizione per la visita di Juneau. Si consiglia la salita in funivia al Mount Roberts per una impareggiabile vista sul Gastineau Channel e sulle montagne circostanti.In serata partenza in ferry verso sud lungo la costa dell’Alaska e del Canada (Inside Passage).
Pernottamento in cabina a bordo.

20° GIORNO: NAVIGAZIONE DEL ‘INSIDE PASSAGE’
Intera giornata di navigazione nello spettacolare ‘Inside Passage’, durante la quale si toccheranno piccoli centri abitati raggiungibili solo via nave. Pernottamento a bordo.

Dalla montagna, al mare circondato di fiordi, alla costa che guarda il golfo dell’Alaska e l’oceano Pacifico, fino al pernottamento su una nave che vi porterà in luoghi inaccessibili con mezzi tradizionali. Non vi stancherete mai di risalire distese di acque cristalline con ghiacciai e splendide terre a strapiombo sull’acqua.

21° GIORNO: ARRIVO A PRINCE RUPERT (Canada)
Arrivo a Prince Rupert. Volo di rientro per l’Italia

Questo itinerario è usufruibile d’estate. Sarà un periodo di tempo incapsulato in un contesto climatico unico che, quando tornerete, vi lascerà il sapore di un sogno. Scommettiamo che il desiderio di respirare ancora l’aria pura fresca e pungente dei paesi appena esplorati diventerà presto un’esigenza, perché il suo ricordo rimarrà indelebile nel vostro cuore.

(USA-Alaska, self-drive, estate)

Ti interessa un viaggio come questo?
Contattaci!

Itinerari collegati a questo articolo

Air Italy su New York

Nuovo volo diretto da Malpensa Pubblicato il 1 Giugno 2018