Febbre del grande Nord: tre motivi per cui è tendenza il freddo

Il Nord Europa è al vertice delle statistiche per arrivi e prenotazioni. Perché Islanda, Irlanda e la Norvegia sono tanto richieste negli ultimi anni?

Cari amici di Ale e Gio, bentornati nella nostra sezione notizie, dove periodicamente cerchiamo di svelarvi curiosità e tante informazioni sul mondo  delle esperienze.

Oggi vi parliamo di una tendenza estremamente viva: sempre più persone, rispetto agli anni passati, sceglie di passare le proprie vacanze in Irlanda, Norvegia, Islanda. Ma, come forse ormai sapete, a noi piace di più chiamarle “esperienze”. Crediamo infatti che il viaggio, inteso come vacanza passiva, non sia più oggetto di desiderio delle persone con le quali abbiamo a che fare.  Sempre più i nostri clienti voglio collezionare ricordi da tenere custoditi come gemme preziose nel cuore.

Vivere una terra o una tradizione come fanno i locali, assaporare suggestioni intense magari scaturite da film o da prodotti cinematografici, oppure vedere meraviglie uniche al mondo, la vera essenza di “quella” terra in quel preciso “istante”: noi lavoriamo con questi parametri!

febbre grande nord

La Norvegia e i suoi meravigliosi specchi d’acqua

Febbre del grande Nord: perché è sempre più gettonato? Le nostre ipotesi

Attraverso alcuni dati che abbiamo notato monitorando il mondo del turismo e affini, ci siamo resi conto che “la febbre del grande Nord” non è una tendenza priva di motivo. Abbiamo scoperto che ci sono cause ben delineate nel panorama sociale e antropologico di questo tempo, e abbiamo provato a dare la nostra spiegazione, anzi tre.

1. i viaggi sono sempre più “sostenibili”, e il grande Nord è pioniere

All’inizio del 2019, Booking ha rilasciato dati che anticipano otto tendenze molto importanti per quanto riguarda le scelte dei viaggiatori. Al numero 6, troviamo che le mete che hanno politiche sostenibili importanti sono in forte ascesa

“La schiacciante maggioranza dei viaggiatori globali (l’86%) dice che sarebbe disposta a impiegare parte del proprio tempo in attività che controbilancino l’impatto ambientale del proprio soggiorno, e oltre un terzo (il 37%) sarebbe disposto a raccogliere plastica e spazzatura da una spiaggia o da un’altra attrazione turistica”. Fonte booking.com

Su Trekksoft, troviamo che i fiordi norvegesi, negli ultimi 10 anni, sono “esplosi” per quanto riguarda le prenotazioni, collegate in maggior parte all’impegno di questa nazione nell’offrire esperienze sostenibili dall’ambiente.

Kristian Jørgensen, CEO di Fjord Norway, l’ente del turismo ufficiale della Norvegia occidentale, ci ha spiegato come la regione sia “esplosa negli ultimi 10 anni”, con visite in crescita ogni anno. Inclusa tra i luoghi cult di avventure nel mondo, è legata fortemente alla tematica della sostenibilità. Per i viaggiatori alla ricerca di una destinazione “responsabile”, l’impegno della regione dei Fiordi norvegesi in tale direzione la rendono un’ottima scelta. Fonte Trekksoft, Travel Trend report 2018.

 

febbre del grande nord

2. il Nord offre esperienze uniche

Sempre sul Travel Trend di Trekksoft, leggiamo che, le persone si identificano sempre più in “viaggiatori” e non turisti. Una delle esperienze più gettonate per l’anno 2018, in Islanda, è il tour per le cave dei ghiacci di tre giorni. Effettivamente, il nord offre esperienze mai canoniche, anzi quasi sempre originali da ogni punto di vista.

febbre del grande nord

3. Game of Throne e la voglia di vivere i suoi luoghi

Sembra proprio che la serie televisiva HBO abbia influenzato molto più di quanto pensiamo le scelte dei viaggiatori, prevalentemente americani, che hanno scelto Irlanda e Islanda per ripercorrere le emozioni della loro storia televisiva. Ne hanno guadagnato in visibilità anche altre località, come Siviglia, Dubrovnik e Malta. Ma è nel grande nord che si registrano le impennate più significative.

Dati alla mano, soprattutto in Islanda, dal momento in cui sono state ambientate scene importanti della serie in mezzo ai ghiacci della “barriera” e di “Grande Inverno”, il turismo è cresciuto in pochi anni del 30%, in una nazione che non aumentava la sua percentuale di arrivi da un decennio. Ecco alcune infografiche da Wimdu.

arrivi islanda febbre grande nord            iceland dati febbre del grande nord

febbre del grande nord

Questo luogo, in Irlanda, è chiamato Dark Edges, e in The Game of Throne, è la Strada Del Re.

Eccoci qua, anche oggi abbiamo condiviso con voi curiosità interessanti riguardo al mondo dei viaggi, per come li intendiamo noi.

E voi? Siete attratti dalle meraviglie del grande nord? Affidatevi a chi capisce le vostre esigenze, e sa tramutare i vostri desideri in realtà! Contattateci! 😉

Ti interessa un viaggio come questo?
Contattaci!