Imparare a preparare il sushi a Tokyo

Un corso di sushi in Giappone permette di avvicinarsi attraverso un’esperienza in prima persona alla cultura culinaria del Sol Levante. Scopri in che modo.

In quasi tutte le città italiane negli ultimi anni si è diffusa la cultura della cucina nipponica e del sushi: ristoranti giapponesi hanno aperto in ogni quartiere portando un tocco del Sol Levante anche a quasi 10.000 chilometri di distanza.

Ma preparare il sushi è una vera e propria arte che prevede alcune precise regole e sono in pochi a conoscerne tutti i segreti. Per questo, durante un viaggio a Tokyo, è possibile imparare dagli chef più abili a realizzare nigiri, uramaki e sashimi per replicare l’esperienza anche a casa.

Le principali città giapponesi, infatti, propongono corsi di cucina per apprendere le tecniche di base della preparazione del sushi che – una volta apprese – permetteranno di cimentarsi in realizzazioni creative a seconda dei propri gusti e desideri.

corso-sushi

Come si svolge un corso di sushi

La preparazione del sushi incomincia con la scelta degli ingredienti, un lavoro di ricerca accurata che si svolge tra i banconi del mercato ittico di Toyosu, la nuova sede che dal 2018 ha sostituito il tradizionale mercato del pesce di Tsukiji. L’inconfondibile odore del pescato si mescola al chiasso dei venditori: benvenuto nel cuore del commercio di Tokyo.

Guidati dall’esperienza del maestro di sushi, i partecipanti al corso possono scoprire come scegliere il tonno o il salmone migliori: materie prime di alta qualità, che solo chi raggiunge il mercato di prima mattina può reperire.

Una volta acquistato tutto il necessario, è il momento di raggiungere la sede del corso che spesso coincide con la cucina privata dell’insegnante, un modo per entrare nelle case dei giapponesi e conoscere la loro cultura.

Indossato il grembiule, incomincia la lezione. La difficoltà maggiore nella preparazione del sushi riguarda la cottura del riso che avviene insieme a una particolare alga, per poi essere unito a una miscela di aceto e zucchero. Ma il vero protagonista è il pesce, che bisogna pulire dalle spine e sfilettare con una lama affilata.

Quando tutti gli ingredienti sono pronti, il passaggio successivo prevede l’assemblaggio degli stessi. Un lavoro da eseguire a mano, aiutati da una stuoia di bambù.

Il sushi è pronto per essere assaggiato in compagnia del maestro e degli altri partecipanti al corso per un momento conviviale e di confronto tra culture.

sushi

Alcune dritte per mangiare sushi 

I giapponesi sono un popolo molto attento alle etichette e orgoglioso delle proprie tradizioni. Ecco perché è importante conoscere alcune semplici regole che ti faranno sedere a tavola sembrando un vero abitante di Tokyo.

  • Il nigiri (pallina di riso ricoperto da pesce crudo) si mangia con le mani e in un solo boccone;
  • Il sashimi si porta alla bocca con le bacchette;
  • Il sushi va intinto nella salsa di soia dalla parte del pesce e non del riso, ma comunque senza eccedere nel suo utilizzo, considerato coprente;
  • Il wasabi non va sciolto nella salsa di soia, ma posizionato tra il riso e il pesce;
  • Lo zenzero non si mescola agli altri ingredienti ma serve unicamente per rinfrescare la bocca tra un assaggio e l’altro;
  • Non si deve infilzare il cibo con le bacchette, non vanno lasciate nel piatto tra una portata e l’altra e si devono posizionare parallele sul piatto una volta finito di mangiare.

Sei pronto per il tuo primo corso di sushi? Contattaci, aggiungeremo al tuo viaggio in Giappone esperienze impossibili da dimenticare.

Ti interessa un viaggio come questo?
Contattaci!